mercoledì 21 ottobre 2015

Sistema

Dicono che ogni società debba avere un sistema ma non dicono che esso non ha niente a che vedere con le leggi ( per chi non lo avesse ancora capito PRIMA viene il sistema, POI le leggi ). Ci vogliono far credere che è per il nostro bene ma non chiariscono il perché si svolga di nascosto. Infatti, questo fantomatico sistema, si muove di nascosto, meschinamente ( parola che rappresenta benissimo anche le persone che lo mettono in pratica ). Pensate, questi "esseri" passano intere giornate a spiare la gente, "valutandola", cercando di capire chi è e che cosa merita ( ad esempio il tipo di lavoro che uno può fare o la ragazza/o che può avere. In questo caso non posso non pensare se il libro che sto scrivendo verrà mai pubblicato da una casa editrice a prescindere se l'abbia scritto bene o male ). Zitti zitti decidono il dar farsi, all'insaputa dei soggetti. Ma questo è solo il primo step. Non bisogna poi dimenticare lo stupro notturno e le interrogazioni sempre di notte fatte senza che uno se ne renda conto, "tanto per valutare meglio la persona". Oramai mi sa di patetico chi parla di nazismo, fascismo, la Cina di Mao o la vecchia URSS di Stalin, paragoni assurdi fatti per far passare questo scempio come giusto ed ugualitario. Chissà se un giorno coloro che lo hanno combattuto -magari con degli scritti come me- passeranno da Eroi... Ma vorrei ricordare, inoltre, che ogni sistema si basa sull'indottrinamento delle masse a favore dei ricchi. È sempre stato così ; è molto raro che ciò non accada. Io non mi sono mai adattato. Mi è sempre piaciuto fare ciò che volevo ed anche se a volte ho ben notato che adattarsi dà la sensazione di essere accettati da tutti, questo non mi ha scoraggiato ad andare secondo i miei credi. Insomma, che dir si voglia, non lascerò che qualcuno o qualcosa detti condizioni sulla mia vita. Punto. E sia quel che sia.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page