domenica 27 dicembre 2015

Una vita allo sbando

Sono stanco. Sono stanco, stanchissimo. Stanco di questa vita, così piatta, che non mi rappresenta. Sento dentro me un energia, un bisogno di esplodere, un punto culmine che dice "basta !". Non so cosa fare, forse mi manca il coraggio. Il coraggio di affrontare paure, sogni, realtà. Devo cambiare. Qualcosa devo cambiare ma ho il sospetto che il cambiamento debba essere radicale, estremo. Voglio vivere allo sbando, dormire dove capita, non lavarmi per giorni, non mangiare ma soprattutto non lavorare. Odio il lavoro. Qualunque. Mi deprime. Ho voglia di avventure, di essere giornalmente sorpreso, di vivere l'attimo anche senza far niente, oziando. Voglio cazzeggiare perennemente. E non sopporto più la folla. Adoro la solitudine condita con una leggerissima presenza di persone ma non di più. Il problema è che sono uno schizoide, un borderline, una persona che non riesce -il più delle volte- ad incanalare le sue energie per... e quando ci riesce si ritrova in un ennesimo sistema che lo inghiotte pian piano... ed io odio i sistemi, a partire da quello che regola la massa. E allora che fare ? Continuare a vivere tristemente il dono della vita ? So benissimo che la ricetta non sta nell'essere "convinto". Non credo nella "convinzione". Voglio che il mutamento della mia persona sia naturale. E per questo occorre tempo e capacità di ascolto ma soprattutto il destino a favore. Non credo nel "lavorare" sulle proprie passioni... se son rose fioriranno. Ed io a questo credo. E allora .... aspetto, scalpito, mi metto sulla linea di partenza, convinto che quando ne sarò saturo sarà il momento giusto. E quel momento arriverà, ... spero ....

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page