martedì 2 agosto 2016

Sono solo

Mi chiedo se sono stato io a volerlo. Che sia sdraiato su un pled, che cammini all'interno del mio centro commerciale preferito o sia in sala ad aspettare l'inizio di una nuova avventura cinematografica, la domanda è sempre la stessa : perché sono sempre solo ? Ho davvero scelto io questa vita ? O ho il Destino contro ? È il mio carattere che tende alla solitudine e i compromessi non mi sono affini ? Sia come sia non posso negare come il vuoto della vita s' impossessi di me e mi conduca a vivere come un asceta. Nel mio solo -lo ammetto- a volte faccio fatica a non immergermi nel rancore per questa società ( a cui diamo sempre la colpa, dimenticandosi che ognuno di noi può comunque cercare di rimanere ciò che è , pur faticando nel tentativo di farlo ). Così, vivo per strada ma senza rimuginare più di tanto sul passato ma cercando nel futuro delle chiare risposte alle mie domande ancora esistenziali, senza dimenticare di vivere il presente come più mi aggrada, con i suoi pro ed i suoi contro ; vivo l'attimo. Nell'esser soli si percepiscono di più le persone, i loro caratteri, si capiscono gli stato d'animo attraverso i loro sguardi. Mi ritrovo allora a fare una cernita su chi frequentare, con chi intavolare discorsi, con chi aprirmi per delle confessioni importanti. Ad esser soli c'è del positivo : è raro sbagliare qualcosa perché tutto diviene una prova, una direzione che possiamo anche non mantenere nel tempo, un richiamo alla nostra vera fede. Non tacciatemi di egoismo. È vero, lo sono ma solo in parte. È che non riesco più ad indossare maschere ; ho bisogno di vita VERA.

5 Commenti:

Alle 2 agosto 2016 12:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Però in tutto questo non si capisce se esser solo ti piaccia o no ;)

 
Alle 2 agosto 2016 12:09 , Anonymous Anonimo ha detto...

Però in tutto questo , non si capisce se esser solo ti piaccia o no !!

 
Alle 2 agosto 2016 16:08 , Blogger Roberto Di Feliceantonio ha detto...

Essere soli è solo una tua sensazione, perché veramente non lo si è quasi mai. Per me che vivo da sempre "solo", una risposta me la sono data sul motivo che mi porta a stare senza compagnia, è semplice, è che mi stanco presto delle persone specie se non contribuiscono a rendere la mia giornata speciale. Ricorda che vivere così implica che ci si spoglia di tutte le responsabilità(casa,famiglia,lavoro...) per cui non si deve rendere conto a nessuno(sempre nel limite delle regole) così si diventa "padrone del proprio tempo"con la possibilità unica di poter decidere con chi e per quanto spenderlo

 
Alle 3 agosto 2016 07:50 , Blogger gabriele mei lives ha detto...

Sicuramente dipende da noi ma anche da chi ti si presenta davanti. Le persone noiose, conformate e che magari si danno importanza per ciò che guadagnano sono tante, troppe. Quindi ...

 
Alle 3 agosto 2016 10:54 , Blogger gabriele mei lives ha detto...

Se non riesci a parlare di ciò che senti, di ciò che provi dentro te... sei solo, anche in mezzo alla folla. Chiaramente essere "soli" come noi ( Roberto DiFeliceantonio ) è proprio per essere padroni del nostro tempo. E si noi stessi, dei nostri stati d'animo 😊😊.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page